Resilienza al Battistero di Velate

Presso il Battistero di Velate, uno dei borghi storici che compongono Varese, dal 11 novembre al 26 novembre si terrà un’importante mostra di scultura, Resilienza. Sostantivo femminile. Opere in bronzo di Celeste Solari.

Al centro della mostra l’arte di Celeste Solari, scultore varesotto finora noto in ambienti privati collezionistici, che arriva alla sua prima importante personale mostrando i frutti di un lavoro quasi ventennale.

Ideate in un atelier-eremo immerso nella natura di Castello Cabiaglio, le opere di Solari sono state prodotte attraverso una fase propedeutica di sei anni e una ricerca più specifica durata nove, dove l’artista ha potuto affinare una delle tecniche classiche della tradizione scultorea lombarda, l’opera in bronzo con fusione a cera persa.

In mostra ci sarà una collezione dedicata a una figura ideale di Donna che, legata a un mondo di costrizione e sofferenza, trova in se stessa l’energia per rigenerarsi, vista come la metafora dello sguardo dell’Artista sulla condizione umana, sulla possibilità di un riscatto dal dolore, sulla capacità rigenerativa del mondo femminile.

Sono una serie di grandi opere suggestive e raffinate che arrivano al pubblico proprio nel mese in cui si onora in tutto il mondo la Giornata contro la Violenza sulle Donne, prevista per il 25 novembre.

Le forme femminili antropomorfe di Solari sono avvolte da un velo che sembra costringerne il movimento, ma svelano una suprema bellezza proprio nell’atto di superare il limite imposto, anche a prezzo di uno spasimo estremo, come il volto della Resilienza, incarnata nella Donna.

Una mano d’Uomo nelle opere più recenti accompagna o sostiene la figura femminile, suggellando l’alleanza tra i generi come potente strumento di equilibrio per le dinamiche personali e sociali.

Lo spettatore che si avvicina alle opere della Resilienza nota la resa anatomica, quasi iperrealista, studiata in una serie infinita di angolazioni e punti di osservazione, ridotte allo stato di nervi e muscoli, torte sull’orlo della sofferenza, piegate ma non spezzate, le donne di Solari hanno un sorriso sul volto sancisce la vittoria e l’inizio della libertà da un mondo disordinato e sofferto.

La collezione esposta a Velate mostra il progressivo allontanarsi dalle forme e dai temi classici di alcuni bronzetti di piccole dimensioni (2003-2007) fino alle attuali e più imponenti opere dedicate alla Resilienza (2008-2016).

“Il titolo “Resilienza. Sostantivo femminile” è un termine oggi assai di moda in ambito psicologico, che trae fondamento dalla proprietà fisica dei materiali che sottoposti a urto resistono, in modo solo apparentemente sorprendente” dice l’organizzatrice della mostra Carla Tocchetti.

La mostra vedrà anche ben cinque eventi di approfondimento sulla Resilienza, che si terranno in parte all’interno del Battistero e in parte in altri luoghi di cultura che si affacciano nella piazza dell’antico Borgo, come il teatrino dell’Oratorio e la Chiesa Parrocchiale.

Saranno presenti ospiti di grande livello: i Poeticanti al vernissage dell’11 novembre alle 19, con musica dal vivo e il reading di una fiaba sull’infanzia violata, il 15 novembre alle 20.30 Piernando Binaghi, volto della televisione svizzera, chiacchiererà di resilienza come uno strumento di crescita nelle fasi della vita di una donna.

Il 18 novembre al Teatro Oratorio Marika de Maria, autrice di La scelta di Lea, parlerà del coraggioso rifiuto alla ‘ndrangheta della collaboratrice di giustizia Lea Garofalo. Proprio il 25 novembre alle 18.30 Milton Fernandez, scrittore, editore e direttore artistico del Festival di Letteratura di Milano racconterà storie di donne contestatrici e rivoluzionarie nel giorno in cui tutto il mondo protesta contro la violenza sulle donne, e il giorno di chiusura della mostra, il 26 novembre alle 17.30, il Coro della Corte di Zibido San Giacomo proporrà alla Chiesa Santo Stefano una rassegna di canti dedicati alla Donna Trascendente, Maria.

L’inaugurazione è prevista per sabato 11 novembre alle 18.30, successivamente la mostra sarà aperta venerdì dalle 15.30 alle 20 e sabato e domenica dalle 10 alle 20 e su appuntamento, il 15 novembre si terrà un’apertura speciale notturna per l’evento con Binaghi.

Tutti gli appuntamenti saranno a ingresso libero, l’accesso è consentito sino a esaurimento posti, si consiglia la prenotazione scrivendo a carlatocchetti@gmail.com per quelli previsti al Battistero.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s