Novità per i gioielli di Francesca Mo

Sarà inaugurata martedì 14 novembre, presso la Galleria Subert in Via della Spiga 42 a Milano, la mostra Francesca Mo – Limited Edition Jewelry, con la nuova collezione della creatrice di gioielli, Broken Line, oltre alle new entry nelle collezioni Tales e Ghiaccio.

Broken Line è composta da segmenti di varie misure, tra linee morbide o rigide che giocano tra loro per formare disegni sempre diversi, che conquistano per la loro semplicità e originalità, ideati in giallo, oro bianco o bronzo.

Gli orecchini saranno in due modelli, con 3 cerchi a formare un pendente, o 2 cerchi montati a incastro, l’uno all’interno dell’altro, mentre due sono gli anelli, uno dalla linea ondulata, che ricorda il movimento del mare, l’altro dalle linee geometriche ed è formato da una linea tonda che si chiude in un secondo giro.

La collezione Tales si arricchisce di Il ranocchio e la corona, ispirato alla storia del ranocchio che si trasforma, con un bacio d’amore, in uno splendido principe, in plexiglass, bronzo, argento e oro.

I nuovi Ghiaccio Drop hanno la forma di caramelle in vetro, ovali dalla forma imperfetta, una serie di orecchini che fanno risaltare il colore e la brillantezza del vetro arancione, verde, nero e rosso, lavorati a mano con finitura opaca o lucida.

Francesca Mo, nota architetto designer milanese, figlia dello scultore Carlo Mo, lavora nella gioielleria d’autore usando come filo conduttore il mondo dell’infanzia, che racconta senza per questo mortificarlo e tanto meno omologarlo.

La sua prima collezione Vetri di Mare, presentata alla Galleria Blanchaert, ricorda i vetri di bottiglia, che da bambini si raccoglievano sulla spiaggia, che, incastonati in oro rosso, giallo e bianco, diventano orecchini, collane, bracciali, gemelli, mentre gli Arlecchini sono residui di mattonelle lavorate dal mare con avanzi di smalto colorato.

Con Ghiaccio la Mo passa al vetro lavorato, con parallelepipedi di ogni colore che compongono collane e orecchini, mentre in I movimenti del tempo piccolissimi telai in oro, argento o bronzo due fogli di vetro con pezzetti minimi di vecchi orologi.

Nella collezione Clessidre, presentata alla galleria Venti Correnti Milano nel 2010, sabbie gialle, vulcaniche, bianche o rosa o di turchesi e coralli triturati, o di piccolissime conchiglie mischiate alla sabbia o di polvere d’oro si muovono chiuse in due sottili ostie di vetro e incastonate in bronzo, alpaca, argento e oro.

Nel 2012, allo spazio Graziella Gay presenta la collezione Stones, con pietre multicolore semipreziose tagliate e lavorate a mano e montate su oro e al Fuori Salone prende parte alla collettiva Intorno al libro al Museo Poldi Pezzoli, con i gioielli Frames.

Nel novembre 2014, una selezione di gioielli in vetro viene esposta alla mostra Manualmente Vetro a Villa Necchi Campiglio, Bene del FAI nel cuore di Milano e al Fuori salone 2015 è presente al Museo Poldi Pezzoli con alcune proposte della collezione Landscapes e, con una selezione di gioielli nello storico negozio di Walter Sacco Antichità Sacco all’interno del distretto ufficiale del Fuorisalone 5VIE.

Al Fuori Salone 2016 la Mo è al Museo Poldi Pezzoli con alcune proposte della collezione Ludus, con una selezione di gioielli nello storico negozio di Walter Sacco Antichità Sacco e partecipa all’esclusiva mostra sul Kintsugi/stud, all’interno dell’Atelier Bassani.

Dal 27 maggio al 18 giugno 2016 al Salone Teresiano dell’ Università di Pavia c’è stata la mostra MO + MO. Scultura e Design a cura di Paola Mo, in cui sono state esposte sculture di Carlo Mo e una selezione di gioielli.

La Mo ha presentato la collezione Tales, dal 17 novembre al 23 dicembre 2016, presso la Galleria Subert e al Fuori Salone 2017 era presente al JVstore di Jannelli&Volpi con i gioielli della collezione Tales, mentre le posate della collazione Paper erano nell’esposizione di posate per la tavola del collezionista Alain Wathieu, in una delle mostre all’interno dell’evento The Essential Taste of Design nel distretto di Porta Venezia in Design.

Dal 6 settembre al 22 ottobre, gli orecchini Clessidre e Moody sono stati esposti e venduti al primo piano di Le Bon Marché Rive Gauche a Parigi in un allestimento scenografico detto La Famiglia.

Francesca Mo riceve in studio su appuntamento, ma i suoi gioielli si trovano alla Galleria Subert, in Via della Spiga 42 a Milano, al JVstore di Jannelli&Volpi in Via Melzo 7 a Milano, nello shop del Grand Hotel Le Sirenuse a Positano a Napoli e nel fashion/design store Salt in Venice, California.

La collezione sarà visitabile dal 15 novembre al 23 dicembre, dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19, sabato dalle 11 alle 18, domenica e festivi solo su appuntamento.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s